Come lavare i pennelli dopo aver utilizzato i colori ad olio


Come lavare i pennelli dopo aver utilizzato la pittura ad olio:

Dopo aver terminato la lavorazione creativa di un quadro dobbiamo sempre lavare accuratamente i nostri pennelli. Ciò risulta scontato, ma vi assicuriamo che non lo è affatto, purtroppo spesso si tende a rimandare, rischiando di rovinare pennelli avvolte molto costosi. Per lavare bene un pennello la prima cosa da fare è cercare di scaricare tutto il colore accumilato nella parte alta del pennello. L'accumulo del colore alla fine delle setole, ossia prima dell'inizio della parte in metallo, generalmente determina l'allargamento delle setole con conseguente danneggiamento irrimediabile del pennello.

Ecco perchè dobbiamo essere molto accurati nel lavaggio.

Facebook - officina d'arte

Ma procediamo con ordine:

  1. immergere il pennello nell'acquaraggia (solvente non molto aggressivo acquistabile in ferramenta)

  2. procurarsi un pezzo di sapone di marsiglia (acquistabile ovunque, supermercati, casalinghi, cineserie, ecc) Si usa il sapone di marsiglia proprio è grasso, così come i colori ad olio. Si consiglia quindi di non usare altri tipi di saponi.

  3. strofinare il pennello bagnato con acqua sul bordo del sapone, fin quando non rilascia più il colore precedentemente usato.

  4. Risciacquare con abbondante acqua.

  5. Creare con un pennello pulito e dell'acqua un po di pottiglia di sapone. come? strofinando il pennello sopra il sapone con l'aggiunta di poca acqua.

  6. Cospargere il pennello appena pulito della pottiglia saponata

  7. allungare le setole dal pennello facendole posizionare come in origine

  8. riporre il pennello in un barattolo setole verso alto.

#pennelli #lavaggiopennelli #comelavarepennelli #lavorareconpitturaadolio

2,033 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Quale ottica utilizzare per raccontare al meglio una scena?

In fotografia ogni scatto è un racconto congelato nel suo attimo più rappresentativo (il Maestro Henri Cartier-Bresson lo definiva “l’attimo decisivo”) e, molto spesso, una buona immagine presenta div